Crea sito
Col Sommelier 2996m - Forte Jafferau 2785 m


Il colle Sommelier con i suoi 2996m é una delle salite ciclabili più alte delle Alpi , negli anni 60 la stada consentiva di raggiungere gli impianti per lo sci estivo e il rifugio Ambin oggi non più esistenti.
La salita é in gran parte sterrata ed in teoria, quando le condizioni della strada lo consentono, può essere percorsa con cautela anche in BDC. Io, per evitare inconvenienti, l'ho affrontata in MTB con partenza da Bardonecchia (1258m), si sottopassa l'autostrada e si inizia a salire sulla sinistra orografica della valle. I primi km fino all'abitato di Rochemolles sono asfaltati e con pendenze abbordabili, poi diventa sterrata, si raggiunge il lago di Rochemolles e dopo alcuni km in falsopiano si ricomincia a guadagnare quota, si supera il bv per il rifugio Scarfiotti, cui seguono una serie di tornanti con vista sperracolare sulla valle sottostante.
Si guadagna quota fino a un breve tratto in lieve discesa o falsopiano, si riprende a salire, il fondo nei tornanti e alquanto malmesso, ma con la mia MTB, salgo via via fino ad arrivare all'ultimo km, devo driblare la neve sulla strada ed infine giungo al lago di Ambin dove si trovava l'omonimo rifugio. Foto di rito e scendo fino ad imboccare il sentiero che ripercorre il percorso della ex decauville che raggiungeva i bacini dell'Enel ove intendo iniziare la scalata allo Jafferau , si procede in lieve discesa e agevolmente giungo ai bacini.
Qui, facendo attenzione, si scende 50 metri e si prende a sinistra la stada sterrata per forte Foes, la salita diretta allo Jafferau é sconsigliabile poiché la carrareccia é molto sconnessa nella parte alta e si dovrebbe procedere a spinta per alcuni km.
Si sale con pendenza accentuata per circa 2km, poi si procede più o meno in piano, la strada diventa un sentiero dopo una frana e si giunge a forte Foes. Foto di rito, poi si prende la sterrata fino al bv per forte Pramand, qui giro a sinistra e con ampi tornanti salgo alla Colla Basset 2596m, fra la valle di Bardonecchia e la val Fredda, si sale ancora leggermente poi si scende passando accanto a una caserma in rovina prima di iniziare l'ultimo duro tratto in salita verso il forte Jafferau che domina dall'alto con le sue imponenti rovine.
Raggiunto il forte, a quota 2785, scendo lungo la pista di servizio agli impianti di Fregiusia, il fondo é molto sconnesso per cui procedo con grande attenzione, avendo tempo é meglio rifare a ritroso la via dell'andata, alla fine arrivo alla zona di Fregiusia e di qui agevolmente a Bardonecchia.
Il giro é estremamente impegnativo per altitudine, dislivello, e lunghezza, si percorrono strade o sentieri senza l'incubo del traffico, l'ambiente di alta montagna, i panorami e le storiche rovine delle fortificazioni militari rendono questo giro molto attraente.

Galleria Foto