Crea sito

Col Arlaz 1031 m - Col Tse Core 1607 m

Il col d'Arlaz collega Monjovet alla val d'Ayas, ho fatto questa salita nell'ambito di un giro che partendo da Saint Vincent prevedeva di scalare il Col d'Arlaz poi di scendere il val d'Ayas e quindi scalare l'ostico col Tse Core o di Mont Tseuc già affrontato nel Giro 2018.
Da Saint Vincent, non avendo alternative, ho dovuto percorrere la trafficata statale fino a Mon jiovet con un primo tratto in falsopiano o leggermente a salire e un secondo che scende decisamente verso Monjiovet che si raggiunge dopo aver lasciato la statale.
Alla rotonda in centro paese, nei pressi della chiesa, si segue l'indicazione per il colle poi si deve seguire sempre la strada principale ignorando deviazioni laterali verso varie frazioni.
Pur non essendo una salita lunga presenta una pendenza media superiore all'8% con una parte centrale al 9-10% che richiede un certo impegno. In cima sono situati alcuni cartelli turistici ed una croce, manca la denominazione del colle, il panorama si gode soprattutto verso la valle principale mentre é più ridotto sulla val d'Ayas.
Una breve e ripida discesa conduce a Chateinére (817 m ) da qui in agevole salita si raggiunge Quinsod dove si devia a sinistra per il col Tse Core peraltro già descritto in questa parte nella pagina del sito relativa anche al col de Joux.
Comunque si raggiunge Orbeillaz 1120 m dove si deve girare a destra per affrontare un tratto molto duro di oltre 3 km che terrmina nei pressi di Arbaz, di qui più agevolmente si raggiunge il colle 1607 m) e ci attende una lunga discesa che ignorando un bivio per Emarese va ad incrociare la stada che da Saint Vincent conduce al col de Joux.
Il col d'Arlaz pur presentando pendenze importanti è mediamente impegnativo per via della lunghezza non eccessiva, presenta maggiori difficoltà il col de Tse Core ma i 15 km di discesa sono veramente alettanti e compensano le fatiche fatte.
In tutto sono circa 42 km per un dislivello di 1440 metri; chi volesse evitare le pendenze dello Tse Core può, una volta giunto a Quinsod, proseguire fino a Brusson e quindi affrontare più o meno a parità di distanza e dislivello il col de Joux sicuramente meno impegnativo.

Galleria Foto



Ingrandisci la mappa